Preparare uno Spritz senza offendere un veneto

Lo chiedi alla rete: 217.000 risultati senza neppure avere la garanzia che si tratti della ricetta originale!
Ma noi di Drop non ci disperiamo perché di amici veneti ne abbiamo da vendere e figuratevi da consultare quando si parla di vino 😉
Quindi bando alle ciance e veniamo al sodo!

Mille storie circondano questo must degli aperitivi- chi ne fa risalire la nascita al 1500 quando lo si proponeva come bevanda corroborante agli operai dell’arsenale di Venezia, chi ritiene che i ringraziamenti vadano, invece, rivolti ai soldati dell’impero asburgico che nel’800 preferirono annacquare i vini della serenissima- ma poco importa!

Spritz da Spritzen…innaffiare, perchè di questo si tratta: semplice vino spruzzato con dell’acqua frizzante!
Una ricetta inziale che si è poi evoluta: prima aggiungendo del bitter, poi sostituendo l’acqua gassata con del seltz, cosa che lo rese molto più apprezzato dai palati più delicati e dal pubblico femminile. Infine, ogni regione ne ha scippato la ricetta ribattezzandola con nuovi nomi.
È il caso del Pirlo bresciano preparato con del bianco fermo o dello Spruzzato piemontese realizzato con il Vermouth, passando per il mitico Bianchino milanese dove si usa il Bitter Campari.
Ed è proprio il campanilismo tipicamente italico ad aver introdotto il primo cruciale dilemma in fatto di Spritz: la ricetta prevede Aperol o Campari?

Niente di più facile! La differenza fondamentale tre le 2 versioni risiede solo nel territorio in cui sono nate: il Campari Spritz è meneghino ed è solo la variante più conosciuta del ben più originale Aperol cocktail veneziano, lo Spritz per antonomasia, quello che l’IBA segnala come ufficiale.

Quindi armatevi di caraffa e bar-spoon…si parte!
Vi servono solo:

  • 6 cl di Prosecco
  • 4 cl di Aperol
  • Una spruzzata di soda/seltz
  • Ghiaccio (q.b.)
  • Una fettina di arancia per guarnire e richiamare l’aroma del bitter!

Le dosi sono per un solo bicchiere. Quindi moltiplicate, moltiplicate, moltiplicate … e gustate in compagnia.

Ragazzi…. Prosit!

Thanks to Winedharma, Lei Tv, Il Giornale , La zanzara romana

Piaciuto l’articolo? Iscriviti alla Newsletter e sali a bordo della Community!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *